Mi Nova, Milano chiama Genova “Così nasce la macrocittà del mare”

10 Febbraio 2011

“MI NOVA” mette radici. Il progetto di integrazione economica e commerciale fra Milano e Genova, lanciato attraverso le colonne di Repubblica dal leader di palazzo San Giorgio Luigi Merlo, debutta ufficialmente sulla piazza finanziaria del capoluogo lombardo. L’occasione è la “Mobility conference”, il forum della mobilità e delle infrastrutture che la Camera di Commercio di Milano organizza davanti ai principali competitor nazionali dei trasporti e della logistica. E’ qui che il presidente Carlo Sangalli, a capo anche della Confcommercio nazionale, apre ufficialmente all’alleanza con la Lanterna. Sangalli sottolinea l’interesse per la “grande incompiuta” genovese, il Terzo Valico, «un’opera da oltre sei miliardi che rafforza la posizione di Milano, collegandola strettamente al suo porto naturale, Genova», e poi lancia Mi Nova con un’apertura di credito molto significativa che, a questo punto, impone però un’accelerazione operativa al progetto che punta a realizzare i suoi primi obiettivi già con l’Expò 2015.

«In questo contesto — spiega Sangalli — riteniamo rilevante la proposta del presidente dell’autorità portuale di Genova, Luigi Merlo, di realizzare un’integrazione economico commerciale tra Milano e Genova battezzata Mi Nova. Un progetto capace di dar vita a una “macrocittà del mare”, snodo fondamentale tra Rotterdam e il Mediterraneo e in grado di rilanciare la centralità del Nord Italia in chiave internazionale. Oggi ci confrontiamo con un’economia ancora convalescente che necessita di robuste e immediate misure ricostituenti. Ma la strada di una vera ripresa passa dai grandi e difficili progetti di ampio respiro».